Ritratto e Boudoir come mezzi per la conoscenza di sè

Arriva un momento nella nostra vita, in cui ci sentiamo bloccati e non ci riconosciamo più.
Il lavoro che si andrà a fare è quello di destrutturare il nostro io, partendo dalla nostra immagine esteriore (come ci vediamo) per poi sbloccare, liberare, riaggiornare la nostra anima interiore, la nostra vera essenza.
Il percorso mira a favorire la capacità di auto-ascolto, l’esplorazione di sè e del proprio mondo interiore, per acquisire maggior consapevolezza di ciò che siamo e diventare più autentici, tenendo conto dei nostri bisogni, desideri, pulsioni.
Come avviene il percorso ?
INSIEME prima di tutto, attraverso:
1) l’osservazione di noi stessi con lo SPECCHIO e con l’esperienza dell’AUTORITRATTO;
2) l’ascolto di parti nascoste che necessitano di venir fuori, soffocate dal giudizio, nostro e degli altri;
3) il defluire delle proprie emozioni con il RITRATTO EMOZIONALE fatto in studio da una professionista.
La seconda parte del lavoro si rivolge ad accogliere, accettare, liberare la parte sensuale presente in ognuno di noi, attraverso la fotografia BOUDOIR. Per chi vuole proseguire, c’è poi un ultimo step con le foto di NUDO, che hanno lo scopo di ritrovare la purezza, l’innocenza, la sintonia con il proprio corpo, tipiche del bambino, che è in sintonia con la natura e con se stesso.
Dopo dieci anni di esperienza in questo percorso, possiamo tranquillamente affermare che i risultati a medio e lungo termine sono eccezionali, (le recensioni sono pubblicate qui), testato e consigliato anche da più psicologhe che hanno deciso di mettersi in gioco in prima persona.
Data l’effettiva richiesta, da quest’anno il servizio viene proposto non solo alle donne, ma anche agli uomini.
Il percorso è tenuto da Micaela Zuliani www.micaelazuliani.com
Le persone interessate possono scrivere a scuoladiboudoir@gmail.com

NOVITA’ IMPORTANTE: come avrete capito la strada che sta intraprendendo Scuola di Boudoir è quella prima di tutto volta alla crescita personale, alla ricerca di sè, all’accettazione e alla consapevolezza.
La fotografia che noi offriamo non è puramente estetica, ma vuole essere autentica, vera, in cui la bellezza dello stare bene viene manifestata solo successivamente in un’immagine esteriore.
Per questo motivo abbiamo deciso di inserire nel nostro organico una nuova figura importante in tal senso, Giusy Castiglioni psicologa, psicoterapeuta. Lei stessa si è messa in gioco, provando il percorso di conoscenza di sè che da dieci anni Micaela realizza e che oggi lo offriamo come valore aggiunto alla Scuola.

Ritratto e Boudoir come mezzi per la conoscenza di sè